Crea sito

L'obiettivo di noi utenti Mox

Che delusione! trovo che Yamaha Mox sia una gran bella macchina se paragonata al prezzo. Forse uno dei prodotti con un rapporto prestazioni / peso / prezzo tra i migliori esistenti sul mercato all'epoca della sua uscita ma pure adesso nel 2013, anno di nascita di tale sito. Tuttavia la sorpresa, la delusione, e lo sconforto è stato grande quando con il passare del tempo mi sono reso conto che per Yamaha Mox praticamente non esistono, salvo qualche rara eccezione, librerie gratis in rete. Certo esistono un buon numero di librerie a pagamento, ed è giusto così e dico perfino meno male, ma le librerie gratis che fine hanno fatto? Perchè per synth datati come Yamaha DX7 esistono migliaia di suoni gratis disponibili in Internet mentre per Yamaha Mox che ha possibilità e potenzialità superiori, ancora oggi a distanza di qualche anno dalla sua uscita sono riuscito a trovare solo qualche centinaio di suoni in seguito ad affannose ricerche? Che fine ha fatto la generosità dell'uomo di buona volontà che ama condividere con gli altri il frutto del proprio lavoro per accrescere il patrimonio collettivo a cui è lui stesso ad attingere arricchendo allo stesso tempo il proprio bagaglio culturale? Eppure i vantaggi sono evidenti. Il concetto che sta alla base è molto semplice: semina anche tu "1" assieme agli altri e raccoglierai "100". Non posso dunque pensare che la generosità delle persone si stia esaurendo con il passare del tempo abbandonando di conseguenza modelli così vantaggiosi anche per tornaconto personale. Il motivo deve essere un altro dunque. E' possibile che si stia abbandonando la bella abitutidine di rimaneggiare con la programmazione i suoni che queste tastiere mettono a disposizione? Forse lo si fa meno che in passato e un pò perchè ci si accontenta della pappa pronta che è sempre più abbondante, tuttavia continuamente nei forum si leggono consigli come: "apri quel filtro" e "aggiungi un pò di effetto" ecc.. e tenderei dunque ad escludere in parte anche questa possibilità. Credo però che sia realistico affermare che ai tempi di Yamaha DX7 non esistevano molte altre alternative, per cui tutte le energie si concentravano su pochi prodotti. Oggi invece il mercato è saturo di alternative e un prodotto diventa presto obsoleto perchè sostituito da un modello successivo spesso incompatibile, creando di conseguenza una dispersione degli sforzi intorno a macchine diverse. Tuttavia Yamaha Mox è un ottimo prodotto che sta appena un gradino sotto alle varie ammiraglie delle case costruttrici. E' economico a tal punto che avrebbe dovuto ritagliarsi un discreta fascia di mercato. I suoi utenti dunque dovrebbero essere molti, probabilmente migliaia in tutto il mondo. E allora come mai gli utenti che hanno caricato i loro suoni su Internet non si arrivano a contare neppure in una mano? Sforzandomi di rifiutare la prima ipotesi non riesco proprio a darmi una spiegazione esauriente.

Per tale motivo ho deciso di far parte di quei pochi che hanno cercato di fare il primo passo; di quei pochi che sperano che con il loro timido battito d'ali si riesca prima o poi a provocare un uragano dall'altro capo del mondo su tale aspetto.

Il sito nasce dunque con l'intento di creare un punto di raccolta di risorse condivise per Yamaha Mox, messe a disposizione liberamente dagli utenti, e iniziando io stesso con il mettere a disposizione gratis un banco di 128 suoni da me elaborati.

Potrai scaricare liberamente il mio banco di suoni e se rimarrai soddisfatto ed entusiasta del mio lavoro ti offro la possibilità di manifestarmi la tua gratitudine in uno dei seguenti modi:

Cosa chiedo in cambio

  1. Inviami il frutto del tuo lavoro, qualsiasi sia il numero di suoni che sei stato in grado di produrre per Yamaha Mox. Specifica per ogni libreria se autorizzi o non autorizzi la sua pubblicazione su questo sito. La mia speranza è che tu mi fornisca l'autorizzazione a pubblicare perchè solo così il sito potrà crescere e raggiungere lo scopo per il bene di tutti. I suoni pervenuti e autorizzati (da te) saranno filtrati dal mio gusto personale e solo i suoni con un certo livello di decenza verranno ritenuti degni di pubblicazione. Niente paura! sarò abbastanza permissivo e aperto a timbri di tutti i generi, tuttavia ciò che voglio evitare è che un possibile servizio si trasformi nel suo esatto contrario. Potrai inviarmi anche un solo timbro e nel caso ne desideri la pubblicazione ti informo che le librerie pervenute sotto le 10 unità verranno accorpate assieme a quelle di altri utenti per formare unità più grandi.
  2. Segnalami dei link a librerie gratuite o a pagamento che non siano già presenti nelle sezioni dedicate.
  3. Anche un messaggio di gradimento e gratitudine mi farà piacere e me lo farò bastare, ma sappi che non mi farai proprio, proprio contento ;-)

Cosa contiene questo banco

Le 128 voices contenute nel mio banco rappresentano un tentativo, spero riuscito, di migliorare una certa quantità di suoni presenti come factory preset sullo strumento oppure il tentativo di dare ad essi delle "varianti" cioé dei suoni simili o riconducibili a quelli di origine ma che possono andare bene inoltre per altre situazioni. Nel caso delle varianti, in diversi casi ma non in tutti, il timbro risultante avrà poco della voice di partenza e potrà quindi essere considerato a tutti gli effetti un vero e proprio suono nuovo. E' il caso ad esempio di "Pluck Bells 2" dove addirittura cambia la categoria della patch, tanto che l'aver mantenuto questo nome per altri motivi, non rende più la vera natura del timbro che è diventato un EP e non è più un bells. Un altro esempio di nuova patch può essere "Cosmic Psyche 2". "Pluck Bells 3" invece non è una variante ma un miglioramento di "Pluck Bells". Tutte le modifiche che sono state fatte ai suoni le ho eseguite nella maggior parte dei casi con un occhio di riguardo all'usabilità della voice stessa e sono sicuro che qualcosa di buono nel banco quasi tutti lo riusciranno a trovare. Per quanto riguarda i nomi assegnati alle patches, ho voluto mantenere quelli di partenza dando a ciascuno un numero progressivo a seconda delle varianti, per sapere sempre qual'è la voice di origine di modo che possiate fare i debiti raffronti e giudicare il grado di utilità del banco per voi. Solo in pochi casi i nomi assegnati alle patches rispecchiano il titolo o parte del titolo di cover che faccio con il mio gruppo musicale in cui utilizzo tali suoni. Nel banco sono presenti anche alcune voices prese dalla libreria demo di Peter Krischker. Questi suoni hanno ricevuto solo delle leggere modifiche e così ho voluto mantenere il nome dato dall' autore. Concludendo...non saranno dunque nel complesso suoni originalissimi, ma di che vi lamentate? il banco è gratis.

Consiglio di programmazione

Il volume di gran parte dei factory preset è stato programmato dal personale tecnico a dei livelli talmente bassi da rasentare l'indecenza. Questa tastiera dispone di un comodissimo e utilissimo VU meter a 8 led che vi permette di avere sempre sott'occhio il volume di ogni suono....una vera chicca forse unica nel suo genere o comunque appannaggio di poche macchine. Osservando il VU meter si noterà come molti suoni accendano uno, due o tre led. Il mio consiglio è di programmare i nuovi suoni almeno alla metà di 8, quindi a 4 led accesi senza intermittenze. Personalmente ho scelto di programmare quasi tutti i miei nuovi suoni facendo accendere completamente il led 5 con appena un pò di escursione al 6. Tutto ciò mi permette di avere una spinta sonora al pari di altre tastiere che possiedo, facilitandomi un bilanciamento globale in contesti live. Inoltre la maggiore spinta riduce il rapporto segnale / rumore e come una sorta di guadagno migliora la qualità timbrica.

Esistono tre zone principali nella modalità di editing dove poter intervenire sul volume e due zone secondarie, per così dire di "emergenza", da toccare solo come ultima spiaggia prestando un pò di attenzione perchè intervengono anche per altre caratteristiche del timbro e della risposta alla dinamica della tastiera. La prima zona principale in cui intervenire riguarda il volume globale della patch che si trova in "Edit(pulsante) > Common(pulsante) > output > volume". La seconda zona principale in cui intervenire riguarda i volumi relativi dei singoli elementi che compongono la voice ed è possibile trovarli in "Edit(pulsante) > Elemento 1,2...(pulsante) > amp > lvl/pan > level". Se la patch è programmata bene in partenza, cercate di mantenere sempre lo stesso rapporto tra i volumi dei vari elementi e aumentateli dello stesso valore.  La terza zona principale in cui intervenire si trova nell'equalizzatore dei singoli elementi della voice cioè in "Edit(pulsante) > Elemento 1,2...(pulsante) > EQ > Type". Qui è possibile "pompare" il singolo elemento scegliendo via via in crescere "Boost6", "Boost12" o "Boost18" dal parametro "Type". Tuttavia bisogna prestare attenzione che non sia impostato un altro tipo di equalizzatore in cui i "Gain" siano diversi da "0" o se ne annullerà l'effetto. Se tutto ciò non dovesse bastare, la quarta zona secondaria si trova in "Edit(tasto) > Elemento 1,2...(tasto) > amp > vel sens > level". Per valori prossimi allo 0 il volume aumenta. Attenzione! cambiate il valore senza esagerare, perchè intervenendo in quest'area sacrificherete la dinamica della tastiera. Se ancora non dovesse bastare, la quinta zona secondaria si trova in "Edit(tasto) > Elemento 1,2...(tasto) > filter > type > gain". Attenzione! cambiate il valore senza esagerare, perchè intervenendo in quest'area si potrebbe modificare allo stesso tempo l'azione del filtro e quindi le qualità armoniche del timbro in questione. In generale, dosando un pò le modifiche tra la quarta e la quinta zona si dovrebbero raggiungere i propri obiettivi senza stravolgere altre caratteristiche. Più vorrete andare in alto con il VU meter più sarete costretti a mettere le mani in queste due zone. Attenzione dunque!, cercate sempre la giusta misura.

Speciale Natale 2015

Un grande regalo del musicista e amico Per Skovgaard che per tutti gli utenti Mox ha scelto in principio questo sito per rendere pubblica la sua nuova "PSC Songwriters Collection Vol.2" contenete altri 384 imperdibili suoni e disponibile nell'elenco dei download.

Librerie esterne gratuite

Librerie esterne a pagamento